Share to Facebook Share to Twitter Share to MySpace Share to Delicious More...
Cerca nel sito :
Loading
Lo scaffale   Archivio recensioni

Omicidi all’Acqua Pazza

Sono un lettore compulsivo di gialli, thriller, noir, chiamateli come volete. Ne mastico uno a settimana, inglese, scozzese, islandese, svedese, americano, norvegese, italiano. Ho la raccolta completa dei libri di P.D. James, quelli di Agata Christie li ho letti e riletti, ma avevo cominciato nei bei vecchi tempi con S.S. Van Dine ed Edgard Wallace. Per non parlare di Arthur Conan Doyle e Edgard Allan Poe.
Potrei recitare a memoria certi passaggi dei libri di Camilleri se sapessi parlare il siculo di Montalbano! Figuratevi la positiva sorpresa quando ho trovato in un vecchio compagno di giornalismo parlamentare, Umberto Cutolo, un raffinatissimo giallista. Raffinatissimo, per l'agilità del suo primo romanzo (ma ne promette già altri due) dal curioso titolo "Omicidio all'acqua pazza", raffinatissimo per l'ambientazione: la Costiera Amalfitana, anzi "La Costiera", come la chiamano tutti coloro che la frequentano e la amano. Io ero uno di questi. Per anni ho passato favolose vacanze estive in quel di Positano e, frequentando quasi quotidianamente una delle migliori trattorie locali, di "pezzonie all'acqua pazza", anch'esse protagoniste del romanzo, ne ho mangiate eccome.
Dunque, Cutolo giallista. Primo, l'ambiente. E' un Hotel arrampicato sullo sprofondo del più bel fiordo della Costiera. Furore. Se non ci siete mai stati, andateci. Vale la gita. Secondo, il protagonista: il cuoco dell'albergo e per favore non chiamatelo chef. Perché con la vocazione di cuoco ha poco a che fare mentre ha l'indagine poliziesca nel sangue: un Poirot campano. Chi non ce l'ha, l'indagine nel sangue, è il poliziotto, un maresciallo dei carabinieri che starebbe volentieri a spadellare in cucina e sarebbe sicuramente più bravo dell'altro. Su questo scambio di ruoli, tra Omero Sgueglia, "cuoco (non chef) del ristorante sulla terrazza dell'Hotel Furore", e Salvatore Di Salvo, "maresciallo dei carabinieri e amante della buona cucina" (come è indicato nell'utile elenco dei personaggi che precede il romanzo) è giocato il thriller dove ci sono almeno due cadaveri, morti ammazzati o forse no, e dove ruotano attorno all'investigazione e ai pranzi serviti da Omero e dai suoi collaboratori personaggi stravaganti ma credibilissimi, ospiti dell'albergo, clienti di passaggio, investigatori vari, perfino un "profiler" del nord Italia che ovviamente capisce di investigazione come di cavoli a merenda, prevenuto com'è contro l' "extracomunitario", Samir immigrato clandestino che voleva andare in Germania ma che per uno sciopero dei treni è finito lì dove fa il posteggiatore delle auto dei clienti dell'albergo. C'è anche Margherituccia, "vecchia contadina un po' fuori di testa" e forse anche strega, che rievoca il fantasma di Abu Tabela. Personaggio vero: leggere il libro per scoprire chi era. L' "acqua pazza", è un modo molto sorrentino/amalfitano/napoletano/ ecc. ecc. di cucinare un buon sarago, un'orata ed anche una pezzonia, pesce oggi alla moda.
Perché è grazie ad alcuni piatti di questa prelibata pietanza che gli investigatori, pardon, Omero sarà messo sulla strada di scoprire l'assassino, salvando Salvatore da una figuraccia con il capitano Amilcare Ferretti, suo superiore, "votato più alle pubbliche relazioni che alle indagini", come lo descrive l'autore. Tornerà il capitano nel prossimo libro di quella che diventerà una serie: "I delitti della Costiera", così come tornerà Irina, bellissima escort russa, capitata per caso nell'alberghetto, che ti fa capire come Omero s'intenda poco di cucina, molto di delitti, ma assolutamente niente di donne.
Basta. Cosa devo ancora dire? Che il libro mi ha fatto venire la voglia, non solo di leggere quelli che Umberto ci vorrà dare, ma di tornare in Costiera, rivedere i cancelletti sul nulla (le case stanno sotto) che si aprono sui muretti di quella strada bellissima e tormentata. E purtroppo assediata ormai dal turismo di massa distruggi tutto che Cutolo dimostra di non amare. Non so se lo potrò fare e sarà un peccato. Perchè non assaggerò più le pezzonie all'acqua pazza o i pesci sciabola allo scapece di Giosuè, lì a Punta Campanella, davanti a quel mare meraviglioso che abbiamo soltanto noi, altro che Maldive, gustandomi un limoncello vero, fatto in casa e non a Brembate di Sopra.

Neri Paoloni

Le notizie principali
In evidenza da altri siti
Casagit, spese sanitarie e dichiarazione dei redditi: ecco come muoversi
Assoluzione Camporese, Costante (Capss): “Ora l’Inpgi agisca contro chi ha leso l’immagine dell’istituto”
Assoluzione Camporese, Macelloni: “E’ la migliore risposta a chi ha cercato di screditare l’Inpgi”
Assoluzione Camporese, Lorusso e Giulietti: “Gli orchestratori della macchina del fango chiederanno scusa?”
Gestione Separata Inpgi, tempo di comunicazione dei redditi per i giornalisti liberi professionisti
Tele Radio Gubbio, la denuncia dell'Assostampa: «Dai licenziamenti all'esercizio abusivo della professione»
Diffamazione, la Corte Edu condanna l'Irlanda: «Multe sproporzionate ai media violano la libertà di espressione»
Caso Sopaf, assolto dalle accuse di truffa e corruzione l’ex presidente della cassa dei giornalisti Camporese
Risultati finali delle elezioni Casagit
Il caso del crac della società Sopaf: sei condanne e mega risarcimenti
Famiglia Cristiana, i giornalisti: «La protesta continua»
Perquisita la casa di Marco Lillo, Fnsi: «Non si possono impedire le fughe di notizie colpendo i giornalisti»
Consiglio di Stato, via libera al regolamento sui fondi per le emittenti locali
'Gente d'Italia', il presidente Mattarella premia il quotidiano italiano diffuso in Uruguay
Intervista di Sergio Luciano alla presidente Inpgi Marina Macelloni pubblicata su “Libero” del 20 maggio 2017
Editoria: il decreto sugli ammortizzatori importante ma non sufficiente
Inpgi 2: bilanci solidi ma prestazioni insufficienti
Contributo di solidarietà: intervista a Paolo Serventi Longhi
Editoria, il segretario Lorusso a Trieste: «Se non si punta sul lavoro regolare il settore non ha futuro»
Libertà di stampa, la Corte Edu ammonisce i giornalisti: «Vietato violare il segreto istruttorio»
Fake news, il Garante per la privacy: «Non servono tribunali della verità, ma un forte impegno di tutti»
L'Unità sospende le pubblicazioni, i giornalisti: «Così si calpesta una storia»
Il Gazzettino, licenziati nove dipendenti non giornalisti. La solidarietà del Cdr
Riforma editoria: pubblicati i decreti su stati di crisi, prepensionamenti e contributi alle imprese
Caso Alpi-Hrovatin, la procura vuole archiviare. Fnsi e Usigrai: «Sconcerto, amarezza e rabbia»
Consip, Lillo perquisito. Il cdr del Fatto: “Atti intimidatori, a rischio la segretezza delle fonti e l’informazione libera”
Editoria, “prese contributi pubblici non dovuti”. Chiesti 4 anni di carcere per il parlamentare Pdl Angelucci
Nuovo contratto di solidarietà biennale e incentivi all’esodo per i poligrafici e gli amministrativi del ‘Sole 24 Ore’
Altri 12 giorni di sciopero a ‘Famiglia Cristiana’. Rinnovata la delega al Cdr per mettere in atto azioni di lotta e protesta
Upi, nasce la Rete degli uffici stampa delle Province: al via il monitoraggio sui territori e nuove azioni comuni
Verità per Ilaria e Miran, Fnsi e Usigrai: «Al fianco di Luciana Alpi in tutte le iniziative che deciderà»
Consip, Bonsanti: “Il caso Lillo farà storia. C’era più libertà ai tempi delle stragi”
Giornali di partito, l’80% di quelli finanziati dallo Stato è fallito: dall’Unità alla Padania
Sole 24 Ore, accordo coi sindacati: 236 esuberi su 812
Editoria, Agcom certifica la crisi: «Ricavi in calo e giornalisti sempre più precari»
Sindacato giornalisti umbri, via libera dall'Assemblea degli iscritti al nuovo Statuto
Due anni senza Santo Della Volpe. Un video per ricordarlo
Inpgi, prelievo sulle pensioni: il Tar del Lazio prenderà a febbraio 2018 la decisione di merito
Inogi, Comitato inquilini: "Case invendute sul mercato a prezzi stratosferici"
Archivio rivista
Le rubriche
CINEMA
LIBRI
FNSI
FNSI