Share to Facebook Share to Twitter Share to MySpace Share to Delicious More...
Cerca nel sito :
Loading
11/07/2017
Consiglio nazionale Ungp: verbale della seduta del 15 febbraio 2017

Nella sede della Fnsi in corso Vittorio Emanuele 349 in Roma, alle ore 10,30 del giorno 15 febbraio 2017 si è aperta la seduta del Consiglio nazionale Ungp per esaminare il seguente ordine del giorno: 1) Approvazione del verbale della seduta precedente. 2) Abuso dei precari e dei pensionati nelle redazioni giornalistiche. 3) Riforma dello statuto della Fnsi. 4) Situazione riforma Inpgi. 5) Varie e eventuali

Erano presenti Guido Bossa, Gianfulvio Bruschetti, Stefania Giacomini, Mauro Lando, Claudio Cojutti, Carlo Muscatello, Giuseppe Anzalone, Paolo Baggiani, Romano Bartoloni, Natale Conti, Ermanno Corsi, Gian Luigi Corti, Dario De Liberato, Antonio De Vito, Enzo Ferrini, Marco Gardenghi, Giorgio Greco, Giuliano Tecilla, Tiziana Longo, Antonio Lovascio, Domenico Marcozzi, Gianni Martellozzo, Claudio Mazza, Marcantonio Morelli, Giuliano Musi, Pietro Ruo, Neri Paoloni.

2) Abuso dei precari e dei pensionati nelle redazioni giornalistiche.

Approvato il verbale della seduta precedente, il presidente Guido Bossa introduce il tema dell'abuso dei precari e dei pensionati nelle redazioni segnalando che è necessario fare chiarezza su equivoci passati che indicavano in proposito posizioni morbide dell'Ungp. Sottolinea che non è in discussione è che i pensionati collaborino per portare la loro esperienza all'interno degli organi di informazione, altro invece è che svolgano un vero e proprio lavoro di redazione. E' tale comportamento che costituisce un abuso. Su questo tema propone una mozione successivamente approvata all'unanimità. Il testo della mozione è allegato al presente verbale.

3) Riforma dello statuto della Fnsi.

Il presidente Bossa rileva come la decisione del Consiglio nazionale Ungp in merito a precari e pensionati nelle redazioni consenta di affrontare con chiarezza all'interno della Fnsi il tema della riforma statutaria. L'obiettivo è di incardinare con più certezza l'Ungp entro la Fnsi così da poter partecipare con compiutezza nella vita del sindacato. A tal proposito propone che l'articolo 1 dello statuto Fnsi reciti: "La Federazione Nazionale della Stampa Italiana è l'organizzazione sindacale unitaria dei giornalisti italiani attivi e pensionati". Altra richiesta è che per l'Ungp sia prevista una presenza stabile negli organi di categoria, infine suggerisce di inserire un chiarimento sul finanziamento di Ungp.
In merito al finanziamento del sindacato dei pensionati il collega Paolo Baggiani chiede che il presidente invii una lettera ai segretari dei gruppi e dei sindacati regionali chiedendo che si provveda agli adempimenti già ora previsti nello statuto Ungp.
Il collega Ermanno Corsi commenta che il rapporto tra Ungp e Fnsi deve essere improntato a collaborazione, ma deve essere anche critico e incalzante perché la Federazione non è sempre attenta alle richieste dei pensionati. In merito alla riforma dello statuto chiede che sia sancito che la Federazione rappresenta "tutti i giornalisti", con ciò evitando che si fissino in statuto le differenti categorie di pensionati e di attivi.
Aggiunge che quella dei giornalisti è una professione unica di cui i pensionati costituiscono una componente e non un corpo separato.
Il collega Romano Bartoloni chiede più impegno nelle sedi regionali verso il proselitismo a favore dell'Ungp nel momento in cui i giornalisti attivi vanno in pensione. A sua volta l'Ungp dove creare una newsletter periodica da inviare ai novemila titolari di pensione Inpgi così da informarli sulle novità e renderli più attenti alla vita del sindacato.
Il collega Domenico Marcozzi invita a tenere conto dei giornalisti che non avendo lavorato in testate giornalistiche non percepiscono pensioni Inpgi bensì Inps e per questo sono più difficilmente individuabili.
Il collega Pietro Ruo solleva perplessità sulla dizione "tutti i giornalisti" da inserire nello statuto Fnsi, sottolineando la necessità che all'Ungp sia assicurato un ruolo decisivo all'interno della Federazione anche per rafforzare la Fnsi stessa. Si dice poi favorevole alla creazione di una newsletter per far meglio sentire la voce dei pensionati. Conferma infine che nella sua regione, il Veneto, c'è collaborazione tra Ungp e sindacato per l'iscrizione dei pensionati.
Il collega Giorgio Greco esprime adesione alle proposte di modifica dello statuto della Fnsi auspicando che si riesca a fissare la presenza costante dell'Ungp negli organismi direttivi della Federazione. Adesione anche al documento per contrastare il lavoro in redazione dei pensionati, lavoro che non solo impedisce l'accesso ai nuovi colleghi, ma reca danno anche all'Inpgi. Assicura che in Sardegna vi è sintonia tra Ungp e sindacato per l'iscrizione dei nuovi pensionati.
Il collega Gian Luigi Corti lamenta come nella sua Regione, Liguria, trovi difficoltà ad essere informato sui colleghi che lasciano il lavoro per andare in pensione. Esprime la necessità che sia l'Inpgi a fornire l'elenco.

Il collega Carlo Muscatello, membro della Giunta Fnsi e delegato all'Inpgi del segretario nazionale, lamenta la fase di attesa e incertezza che incombe sulla professione giornalistica. Ricorda che mancano ancora i decreti attuativi della legge di riforma dell'editoria approvata nel novembre scorso. Aggiunge che la Fnsi aveva espresso una valutazione positiva su quella norma che però, ha aggiunto, è ancora lettera morta, con conseguente incertezza.
Altra incertezza, sottolinea Muscatello, trae alimento dalla lunga attesa del parere dei Ministeri in merito alla riforma dell'Inpgi. Attesa che favorisce ipotesi allarmistiche. In questo quadro giudica comunque positivo che l'Ungp abbia preso posizione contro l'abuso del lavoro nelle redazioni affidato a precari e a pensionati. Ha poi previsto per marzo o aprile il congresso straordinario Fnsi proprio per le modifiche statutarie.

Il collega Giuliano Musi esprime consenso alle proposte di modifica dello statuto formulate dal presidente ritenendo opportuno che siano indicati i pensionati. In merito alla proposta di una newsletter dell'Ungp ricorda come sul sito vi siano tutte le informazioni necessarie. Segnala che in calce alla newsletter per i pensionati dell'Emilia Romagna vengono riportati i link di tutti i siti legati alla professione.

Il collega Antonio De Vito si dice d'accordo sull'invio delle lettere ai gruppi dei pensionati ma anche ai sindacati regionali per sollevare il problema del finanziamento dell'Ungp. In merito allo statuto ritiene utile inserire la presenza esplicita dei pensionati e della loro organizzazione sindacale.

Dopo una breve replica del presidente Bossa viene messa ai voti la mozione sul lavoro dei precari e pensionati nelle redazioni. Il Consiglio approva all'unanimità

In merito alla mozione riferita alle proposte di modifica dello statuto Fnsi, il presidente Bossa sottolinea l'intenzione di essere meglio riconosciuti ed ascoltati come pensionati e come Ungp.

Il collega Corsi aggiunge che l'Ungp è un sindacato di base della Fnsi e pertanto deve essere tenuto in maggiore considerazione. Necessario è superare la marginalità con cui la Federazione ha tenuto i pensionati e per questo è opportuno sottolineare che rappresenta tutti i giornalisti senza distinzioni anagrafiche.

Il collega Paolo Baggiani ribadisce che il riconoscimento dei pensionati nello statuto ha un valore politico e non solo formale, in più dà peso all'Ungp all'interno del sindacato.

Messa ai voti, la mozione è approvata con due voti di astensione. La mozione è allegata al presente verbale.

4) Situazione riforma Inpgi

Il presidente Bossa introduce il tema della riforma previdenziale Inpgi, approvata il 28 settembre 2016, soprattutto per quanto riguarda i tempi lunghi di approvazione da parte dei ministeri. Questo lungo tempo crea incertezza con polemiche e preoccupazioni. Ricorda anche che per discutere di questo erano stati invitati i pensionati presenti nel Consiglio generale e negli organi direttivi dell'Inpgi.

Il vicepresidente dell'Inpgi Giuseppe Gulletta dichiara che al momento "non ci sono obiezioni dei Ministeri sul contenuto della riforma Inpgi". Aggiunge che dal Ministero del lavoro emerge un giudizio positivo, mentre nel Ministero dell'economia vi è un allungamento dei tempi a seguito prima dell'impegno degli uffici per la legge di stabilità e poi della trattativa con l'Unione Europea

Conferma che la lunga attesa ha creato polemiche e malumori di cui vari siti e blog si sono fatti portatori. Il che, sottolinea Gulletta, nuoce all'Inpgi. E' per questo che l'istituto ha deciso di diffondere periodicamente una newsletter al fine di "dare notizie certe contro le post-verità di certi siti". In questo quadro ha aggiunto che nessuno entro l'Inpgi vuole "controllare i controllori" o impedire di esprimersi, però c'è l'esigenza di rendere evidente come "un controllore non possa invitare i ministeri a non approvare la riforma, oppure a mandare un commissario". I controllori, ha aggiunto il vicepresidente Inpgi, possono esprimere il loro voto, favorevole o contrario, nei modi previsti dalla legge ed è in tale sede che hanno possibilità di intervenire.

Altro tema trattato dal collega Gulletta è stato quello della vendita del patrimonio immobiliare dell'Inpgi. Ha ricordato che gli iscritti all'Inpgi sono 59.000 ed i colleghi interessati agli immobili in vendita sono 900. Si salvaguarderanno i diritti dei 900 rispettando quelli dei 59.000, il tutto con la necessaria benevolenza. Interpellato in proposito, ha poi illustrato la situazione legata ad alcuni immobili nella città di Roma.

Il collega Ruo non esprime ottimismo sull'approvazione della riforma e lamenta come l'Inpgi non replichi a messaggi autolesionistici che creano dubbi nei colleghi. Per la vendita del patrimonio immobiliare ha invitato all'equità.

Il collega Corti illustra le difficoltà e le contrarietà degli inquilini interessati alla vendita del patrimonio immobiliare Inpgi. Prendendo lo spunto dalla situazione di Arenzano ha chiesto che l'Inpgi tratti direttamente con gli inquilini senza avvalersi di agenzie di intermediazione.

Il collega Enzo Ferrini chiede chiarimenti su immobili Inpgi e solleva il problema dell'incertezza che deriva dalla diffusione di cifre sul disavanzo Inpgi senza che l'istituto faccia conoscere il proprio punto di vista.

Il collega Gianni Martellozzo esprime dubbi che si possa arrivare ad un reale risanamento dell'Inpgi a fronte del fatto che la crisi dell'editoria non è ancora superata e che l'online non crea occupazione. Per questo è necessario avere chiarezza sulla situazione dell'istituto.

Il collega Corsi critica i "toni cloroformizzanti" usati per illustrare la situazione dell'Inpgi e sollecita l'Ungp a far valere la propria forza numerica all'interno della Fnsi.

Il collega Bartoloni invita il presidente Bossa a far votare un documento per chiedere chiarezza all'Inpgi.

Il presidente Bossa legge e mette ai voti una mozione per chiedere all'Inpgi di fare chiarezza sulla situazione della gestione previdenziale. La mozione viene approvata con due astensioni.

5) Varie e eventuali

Il presidente Bossa ricorda l'impegno assunto dall'Ungp a sostenere una radio di Amatrice per la diffusione di notizie ai terremotati. Se il progetto della radio non andasse in porto, l'Ungp interverrà comunque in iniziative legate al settore della comunicazione.

La vicepresidente Stefania Giacomini propone in alternativa la promozione di corsi di tecnologia web per giovani dell'area colpita dal sisma al fine di insegnare loro tra l'altro l'uso degli smartphone come mezzo di comunicazione, oppure il giornalismo sui social media.

Torna indietro Indietro

Le altre notizie
06/06/2017
Il Gruppo Toscano in gita a Pontremoli, gioiello della Lunigiana
23/05/2017
Elezioni Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti: fissate le date
23/05/2017
Il Galileo di maggio
23/05/2017
Ricordo di Orlando Scarlata, Maestro nella professione e nell’attività sindacale
18/05/2017
Inpgi in audizione alla Camera: "Sui conti dell'Istituto il peso della crisi
La riforma appena approvata consentirà di correggere lo squilibrio"
16/05/2017
Sgambellone: "E’ arrivato il contributo di solidarietà: un sacrificio che si può fare"
15/05/2017
Ungp Piemonte: "I giornalisti degli uffici stampa della pubblica amministrazione
versino i contributi all'Inpgi"
26/04/2017
Firma per il 5 per mille a Ossigeno
21/04/2017
Congresso della Fnsi, sessione statutaria: più spazio per i pensionati
nel sindacato unitario dei giornalisti
17/04/2017
Bartoloni: "Da maggio il prelievo sulle pensioni Inpgi
Camera e governo contro il principio dei tagli"
15/04/2017
Prelievo di solidarietà sulle pensioni da maggio e rateizzazione
05/04/2017
Approvato il nuovo Statuto dell’Alg
Il presidente del Gruppo pensionati entra nel Direttivo
Bruschetti: "Un esempio per le Associazioni e per la Fnsi"
04/04/2017
Il nuovo Direttivo del Gruppo Trentino-Alto Adige
Giuseppe Sgambellone eletto presidente
27/03/2017
Case Inpgi, la metà degli inquilini ha aderito alla proposta di acquisto
23/03/2017
Dopo l’approvazione dei Ministeri, pubblicata la delibera Inpgi
sul contributo di solidarietà per i pensionati
23/03/2017
Un anno fa ci ha lasciato Mario Petrina. Il nostro ricordo
19/03/2017
Documento del Gruppo del Trentino Alto Adige Südtirol:
"Riforma Inpgi, equità sì, ma da tutti"
Potere ai pensionati
Tempo di elezioni per la Casagit

Tempo di elezioni per la Casagit. Fra il 6 e il 10 giugno siamo chiamati al voto per il rinnovo dell'Assemblea nazionale dei delegati. Hanno diritto al voto i giornalisti professionisti, pubblicisti, praticanti iscritti all'Ordine dei Giornalisti e i giornalisti iscritti all'Elenco stranieri annesso all'Albo, nonché i titolari di pensione diretta a carico dell'INPGI e i giornalisti titolari di pensione a carico di enti diversi, purché associati dal luglio 2016 e non morosi alla data dell'8 marzo 2017.
Si voterà per via telematica collegandosi al sito www.casagit.it e cliccando su "Speciale elezioni". Occorre inserire il codice socio riportato sulla tessera Casagit e la password spedita in questi giorni ad ogni elettori. Chi non l'avesse ricevuta o l'avesse smarrita potrà richiederla dal 26 maggio al Call center elezioni (0654883333).
Per chi lo volesse, le Consulte regionali apriranno una postazione assistita presso ogni sede. Questi i dati essenziali per esercitare il nostro diritto e contribuire in questo modo, con un'ampia affluenza alle urne, a rafforzare la nostra Cassa di assistenza sanitaria, che negli scorsi anni ha superato una fase di crisi, determinata dalla chiusura di numerose aziende e dalla conseguente perdita di posti di lavoro. Nonostante ciò, la Cassa è riuscita a recuperare livelli di assistenza sanitaria eccellenti e a garantire la solidarietà necessaria a tutela di tutti i colleghi, uomini e donne, attivi e pensionati.
E' facile dimostrare l'interesse dei pensionati per la buona salute della Cassa: mentre diminuiscono i soci contrattualizzati, c'è un incremento del numero dei pensionati, anche se si nota un preoccupante calo delle iscrizioni dei nuovi pensionati. La progressiva riduzione delle prestazioni del Servizio sanitario nazionale rende ancor più appetibile e necessaria l'adesione alla Cassa. E' viva la consapevolezza che il consolidamento dei risultati raggiunti e il miglioramento delle condizioni di assistenza che la Cassa garantisce dipendono, oltre che da un'oculata gestione, dall'allargamento della base contributiva anche mediante il potenziamento di Casagit servizi, aperta a nuove categorie professionali come già avvenuto con la Confcommercio. Si tratta di proseguire lungo la strada del risanamento iniziata cinque anni fa.
Come sappiamo, lo Statuto della Casagit non prevede una riserva di quota per i pensionati negli organi di amministrazione, ma ciò non ha penalizzato i colleghi in quiescenza, che sono ben rappresentati nell'Assemblea dei delegati uscente e nelle Consulte regionali. A tutti i candidati, e in primo luogo ai pensionati, rivolgiamo il nostro cordiale in bocca al lupo!

In evidenza da altri siti
Inpgi, prelievo sulle pensioni: il Tar del Lazio prenderà a febbraio 2018 la decisione di merito
Editoria, Agcom certifica la crisi: «Ricavi in calo e giornalisti sempre più precari»
Due anni senza Santo Della Volpe. Un video per ricordarlo
Sindacato giornalisti umbri, via libera dall'Assemblea degli iscritti al nuovo Statuto
Inogi, Comitato inquilini: "Case invendute sul mercato a prezzi stratosferici"
Sole 24 Ore, accordo coi sindacati: 236 esuberi su 812
Consip, Bonsanti: “Il caso Lillo farà storia. C’era più libertà ai tempi delle stragi”
Verità per Ilaria e Miran, Fnsi e Usigrai: «Al fianco di Luciana Alpi in tutte le iniziative che deciderà»
Giornali di partito, l’80% di quelli finanziati dallo Stato è fallito: dall’Unità alla Padania
Altri 12 giorni di sciopero a ‘Famiglia Cristiana’. Rinnovata la delega al Cdr per mettere in atto azioni di lotta e protesta
Nuovo contratto di solidarietà biennale e incentivi all’esodo per i poligrafici e gli amministrativi del ‘Sole 24 Ore’
Upi, nasce la Rete degli uffici stampa delle Province: al via il monitoraggio sui territori e nuove azioni comuni
Consip, Lillo perquisito. Il cdr del Fatto: “Atti intimidatori, a rischio la segretezza delle fonti e l’informazione libera”
Perquisita la casa di Marco Lillo, Fnsi: «Non si possono impedire le fughe di notizie colpendo i giornalisti»
Famiglia Cristiana, i giornalisti: «La protesta continua»
Consiglio di Stato, via libera al regolamento sui fondi per le emittenti locali
Caso Alpi-Hrovatin, la procura vuole archiviare. Fnsi e Usigrai: «Sconcerto, amarezza e rabbia»
Editoria, “prese contributi pubblici non dovuti”. Chiesti 4 anni di carcere per il parlamentare Pdl Angelucci
Assoluzione Camporese, Macelloni: “E’ la migliore risposta a chi ha cercato di screditare l’Inpgi”
Assoluzione Camporese, Lorusso e Giulietti: “Gli orchestratori della macchina del fango chiederanno scusa?”
Caso Sopaf, assolto dalle accuse di truffa e corruzione l’ex presidente della cassa dei giornalisti Camporese
Il caso del crac della società Sopaf: sei condanne e mega risarcimenti
Assoluzione Camporese, Costante (Capss): “Ora l’Inpgi agisca contro chi ha leso l’immagine dell’istituto”
Tele Radio Gubbio, la denuncia dell'Assostampa: «Dai licenziamenti all'esercizio abusivo della professione»
Gestione Separata Inpgi, tempo di comunicazione dei redditi per i giornalisti liberi professionisti
Diffamazione, la Corte Edu condanna l'Irlanda: «Multe sproporzionate ai media violano la libertà di espressione»
Risultati finali delle elezioni Casagit
Fake news, il Garante per la privacy: «Non servono tribunali della verità, ma un forte impegno di tutti»
Libertà di stampa, la Corte Edu ammonisce i giornalisti: «Vietato violare il segreto istruttorio»
Editoria, il segretario Lorusso a Trieste: «Se non si punta sul lavoro regolare il settore non ha futuro»
Il Gazzettino, licenziati nove dipendenti non giornalisti. La solidarietà del Cdr
Riforma editoria: pubblicati i decreti su stati di crisi, prepensionamenti e contributi alle imprese
L'Unità sospende le pubblicazioni, i giornalisti: «Così si calpesta una storia»
'Gente d'Italia', il presidente Mattarella premia il quotidiano italiano diffuso in Uruguay
Casagit, spese sanitarie e dichiarazione dei redditi: ecco come muoversi
Intervista di Sergio Luciano alla presidente Inpgi Marina Macelloni pubblicata su “Libero” del 20 maggio 2017
Editoria: il decreto sugli ammortizzatori importante ma non sufficiente
Inpgi 2: bilanci solidi ma prestazioni insufficienti
Contributo di solidarietà: intervista a Paolo Serventi Longhi
 
Archivio rivista
Le rubriche
CINEMA
LIBRI
FNSI
FNSI